Home » Green Pass

SCUOLA E COVID

SERVIZI AMMINISTRATIVI

PAGO IN RETE

ACCESSIBILITA’

ISCRIZIONI ON LINE

Info GDPR

MESSA A DISPOSIZIONE

PON/FSE

PON/FESR

SITI ISTITUZIONALI

Green Pass

INFORMATIVA TRATTAMENTO DATI PERSONALI art. 13 Regolamento (UE) 2016/679 sulla verifica delle Certificazioni verdi COVID-19 per l’accesso alle strutture 

TITOLARE DEL TRATTAMENTO: ISTITUTO COMPRENSIVO JESI “LORENZO LOTTO” 

La disciplina prevista per il contenimento del virus SARS-CoV-2  stabilisce la necessità di possesso della “CERTIFICAZIONE VERDE  COVID-19” (o Green Pass) da parte di tutto il personale scolastico, ad  esclusione del personale che comprovi l’esenzione dalla campagna  vaccinale secondo i criteri indicati dal Ministero della Salute. Il possesso del Green Pass è considerato requisito essenziale per lo  svolgimento delle prestazioni lavorative, integrando viceversa una  specifica e autonoma ipotesi di “assenza ingiustificata”. La presente informativa è aggiuntiva alle informative generali già  rilasciate e consultabili sul sito web istituzionale. È possibile acquisire il Green Pass attraverso le seguenti modalità: 

• dal sito web https://www.dgc.gov.it/spa/auth/login (necessaria identità SPID, Tessera  Sanitaria o documento d’Identità); 

• attraverso il Fascicolo Sanitario Elettronico (ulteriori informazioni sono disponibili  all’indirizzo https://fse.regione.marche.it); 

• attraverso le App Immuni o IO, scaricabili gratuitamente da App Store (iOS) o Google  Play (Android). 

Il Titolare, quale datore di lavoro, è tenuto per legge ad effettuare la verifica delle certificazioni  Verdi COVID-19 di tutto il personale scolastico. L’interessato, su richiesta del verificatore, è tenuto ad esibire la certificazione e un proprio  documento di identità in corso di validità, qualora sia richiesto. L’assenza della certificazione  Verde COVID–19 comporta che il dipendente non potrà accedere alle strutture e produrrà gli  effetti e le sanzioni previste dalla disciplina. 

Prima dell’accesso alle strutture, il verificatore può effettuare il controllo della corrispondenza  tra i dati anagrafici presenti nel documento d’identità e quanto visualizzato dalla App “VerificaC19”, dopo aver decodificato il sigillo (o QR-code)1 al fine di verificare il legittimo  possesso della certificazione verde COVID–19. Soltanto nel caso di corrispondenza dei dati tra  App e documento di identità, il verificatore permetterà l’accesso alle strutture. 

1 Ai sensi di cui al combinato disposto degli artt. 9-bis, c.4, secondo periodo, del d.l. 52 del 2021 e 13, c.4 del d.P.C.M.  17 giugno 2021, è consentito il trattamento dei dati personali consistente nella verifica, da parte dei soggetti di cui  all’art. 13, c.2, dell’identità dell’intestatario della certificazione verde, mediante richiesta di esibizione di un  documento di identità.

Informativa Green Pass [Versione 1.3 – 23/08/2021] 

Il trattamento di dati connesso al controllo del possesso della certificazione verde COVID–19 è  effettuato in conformità ai principi previsti dalla disciplina sulla protezione dei dati personali poiché limitato alla sola verifica di autenticità, validità e integrità della certificazione verde  COVID–19 presentata dall’interessato; i soggetti verificatori possono visualizzare soltanto le  generalità dell’interessato, senza rendere visibili o accedere alle informazioni che ne hanno  determinato l’emissione. L’applicazione non consente al verificatore di conoscere informazioni  ultronee quali, ad esempio, l’evento sanitario che ha generato la Certificazione verde ossia,  tampone, vaccino o superamento della malattia. L’attività di verifica comporta il trattamento dei dati personali degli interessati nella veste di  titolare, senza raccolta o conservazione di alcun dato personale degli interessati, escludendo  anche la possibilità di successivi trattamenti (art. 13 co. 5 d.P.C.M. 17 giugno 2021). La App per smartphone denominata “VerificaC19” funziona perfettamente anche in assenza di  connessione Internet; i soggetti nominati verificatori procedono, almeno giornalmente,  all’aggiornamento degli identificativi delle certificazioni revocate (cd. revocation list) direttamente dalla Piattaforma nazionale-DGC, includendo così anche quanto emesso da altri  stati membri della UE.  Il Titolare svolge dette attività di verifica nell’interesse pubblico rilevante nel rispetto degli  obblighi di legge e in conformità alla vigente disciplina sulla protezione dei dati personali, nell’ambito delle azioni di contrasto alla pandemia da SARS-CoV-2.  Il conferimento dei dati è obbligatorio per l’accesso alle strutture così come disposto dalla vigente  normativa. Nel caso non volesse esibire la certificazione verde COVID–19 o un suo documento  d’identità non sarà possibile accedere alle strutture. È possibile che nell’ambito dell’attività di controllo siano coinvolti anche soggetti esterni, ma  nella veste di autonomi titolari, autorizzati a svolgere dette attività.  Il dichiarante può esercitare i diritti di cui agli artt. 15 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679 nei  limiti e secondo le modalità previste dalla disciplina. Per l’esercizio dei diritti gli interessati  possono avvalersi della modulistica presente sul sito web istituzionale.  L’interessato può inoltre esercitare il diritto di rettifica di cui all’art. 16 del Regolamento  rivolgendosi al servizio offerto dal Ministero della salute tramite il numero di pubblica utilità  1500. Non sono previsti processi decisionali automatizzati, né trasferimenti dei dati in paesi extra UE.

GIORNALINO DI ISTITUTO

REGISTRO ELETTRONICO

MODELLO FINLANDESE

EDUCAZIONE CIVICA

ORIENTAMENTO

GSUITE di ISTITUTO

DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA

PTOF 2019-2022

BILANCIO SOCIALE

MOBILITA’ SCOLASTICA

INTERCULTURA

LEGALITA’

PON Giornalisti a scuola

GRUPPO SPORTIVO

PNSD

ESAME DI STATO

Iscriviti al blog tramite e-mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 94 altri iscritti